Divisi e vicini

Pensare è un po’ sentire: ecco un tuo sussulto, penso. La mia riflessione è, per te, senso. E allora senti, senza dire! Ancor prima di cadere in questo mondo nel pensier tuo io nacqui. Ero pensier e perciò tacqui, ma nei tuoi occhi ero già a tutto tondo. Il primo pensare che ti ha unito all’esser mio io non lo … Continua a leggere

Loto del Giappone

Con le mani attaccate al gelido vetro della finestra guardavo, quasi ipnotizzato, il prato di casa mia e il contrasto affascinante tra il verde dell’erba e il cielo plumbeo di quel pomeriggio uggioso. Nel mio giardino non c’erano alberi né piante, ma solo un meraviglioso albero di cachi piantato nel mezzo. Era autunno e l’albero era nel pieno delle sue … Continua a leggere

Occhi addosso

In quel periodo lavoravo in una cava di marmo e trascorrevo le mie giornate sul dorso di un elefante d’acciaio che barriva ad ogni movimento della sua lunga proboscide metallica. Manovri bene quell’arnese, mi dicevano. E ghignavano. Tutti dicevano che ero un fenomeno a bordo di quella maledetta macchina, e che avevo la precisione di un chirurgo con quel braccio … Continua a leggere

Déjà vu

Si spense. Quando la corrente andava via e il televisore si spegneva a Gregorio proprio non andava giù. Lo aveva detto anche in riunione agli altri condomini, “Sentite, quando la corrente va via io mi innervosisco. E non perché mi perdo qualcosa in TV, per carità, ma vogliamo pensare anche alla signora Brandina, con quella macchina al collo?”. Quella sera … Continua a leggere

Jigsaw

Avevo voglia di guardare come era la sua faccia prima che venisse sepolto, così mi misi in macchina ed andai al suo funerale. Ero in dubbio fino alla fine ma poi pensai che quella era l’ultima occasione per guardarlo. Lo conoscevo da molti anni. La prima volta che sentii parlare di lui avevo sedici anni e mi trovavo in una … Continua a leggere

Nostos

Il passato torna spesso a farmi visita. Così, quando sono a casa, metto su un disco e mi rigiro tra le mani un bicchiere. Poi per mettermi alla prova, ma anche per ricordare, mi infilo nel mio Land Cruiser di terza mano e faccio un giro. L’altra sera si era fatto tardi. Avevo passato il pomeriggio a specchiarmi sul fondo … Continua a leggere